top of page
  • Farmacia Vitruvio

Menopausa e premenopausa, quanto ne sai?Conoscila e affrontala (anche) con l’approccio psicologico

C’è tanto da imparare e tante cose che si possono fare affinché questo periodo di grande cambiamento nella vita di una donna non sia stressante, non compaiano patologie di vario genere e non ci sia un invecchiamento cutaneo importante.


La #menopausa, si sa, è un momento molto delicato nella vita di ogni donna: comporta una serie di cambiamenti sostanziali sul piano ormonale e sul piano fisico. Per vivere questa fase nel modo migliore, è opportuno adottare alcuni accorgimenti specifici: dall’alimentazione più adeguata per tenere alla larga l’osteoporosi, all’esercizio fisico per mantenere l’elasticità delle #articolazioni (e contrastare sempre l’osteoporosi), agli esami di controllo specifici e regolari, fino alle terapie ormonali e alla cura quotidiana della pelle per preservarne la bellezza.



1. Il segreto per affrontare la menopausa nel modo migliore?

Un approccio psicologico positivo, insieme a tanta voglia di scoprire nuovi interessi.


- Prima di tutto imparare ad accogliere e accettare il cambiamento, invece di rifiutarlo e combatterlo. Inoltre, secondo una corrente di pensiero più diffusa nei paesi anglosassoni, con la menopausa ogni donna acquisisce un bagaglio di maturità e saggezza che costituisce una vera e propria “ricchezza”: utilissima per fronteggiare le eventuali difficoltà con maggiore forza e determinazione”.


- Parola d’ordine, rivoluzione mentale. Un’impostazione positiva si dimostra vincente. E’ importantissimo affrontare questo momento così critico in modo costruttivo. L’atteggiamento fa molto più di quanto non si possa immaginare: deve essere di grande apertura verso tutte le novità che aiutano a vivere meglio, a socializzare con gli altri. In ultima analisi, a divertirsi. Dal corso di pittura, di fotografia o di bricolage al ballo, alla lettura, fare un viaggio in solitaria zaino in spalla, fino a fare quella cosa che abbiamo sempre sognato di sperimentare e non abbiamo mai osato fare. pagnia. In altre parole: la nostra mente deve essere continuamente stimolata in modo positivo, con nuove iniziative e nuovi programmi interessanti”.




2. Menopausa, perché?

È un passaggio naturale nella vita di ogni donna: il termine significa “ultima mestruazione” e si riferisce quindi alla fine del ciclo mestruale e della vita riproduttiva femminile. Una donna è ritenuta in menopausa quando sono trascorsi 12 mesi dall’ultima mestruazione.


L’età in cui la maggior parte delle donne va in menopausa è circa 50 anni, anche se questo non è vero per tutte. Si definisce quindi menopausa fisiologica quella che avviene tra i 48 e i 52 anni, precoce prima dei 47 anni e tardiva quando si presenta dopo i 52 anni di età.


L’età di insorgenza della menopausa sembra essere geneticamente prefissata ed è rimasta pressoché invariata negli ultimi secoli, malgrado l’aumento della vita media femminile.

Questa è una considerazione importante. Infatti, se consideriamo che l’aspettativa di vita nel 1800 era per una donna di circa 50 anni e oggi è di circa 80, va da sé che oggi una donna può vivere più di 30 anni in post-menopausa, periodo significativamente maggiore di quanto avveniva in passato.



3. Cosa succede all’organismo quando entra in menopausa?

Con la menopausa l’organismo produce quantità molto minori di estrogeni e di progesterone.

Nella maggior parte delle donne la menopausa è accompagnata da sintomi che possono iniziare mesi o addirittura anni prima che i cicli mestruali si interrompano. Questi sintomi durano in media circa quattro anni dopo l'ultimo periodo mestruale, in alcune donne durano molto più a lungo. Alcuni sintomi possono essere piuttosto severi e avere un impatto significativo sulle attività quotidiane.

I sintomi più comuni includono:

· vampate di calore,

· sudorazione notturna,

· secchezza e fastidio vaginale durante i rapporti sessuali,

· difficoltà a dormire,

· basso tono dell’ umore o ansia,

· riduzione del desiderio sessuale,

· problemi di memoria e di concentrazione.

Attenzione

Le donne che presentano sintomi della menopausa o che li manifestano sintomi dei 45 anni farebbero bene a parlarne con il loro medico.



4. Quali trattamenti si possono fare per alleviare i sintomi della menopausa? In presenza di sintomi della menopausa severi, che interferiscono con la vita quotidiana, bisogna rivolgersi al medico e al farmacista, che possono proporre trattamenti e suggerire cambiamenti nello stile di vita utili per ridurre la sintomatologia tra cui:


  • la terapia ormonale sostitutiva costituita da medicinali che vengono somministrati in donne in postmenopausa, per alleviarne i sintomi.

  • le creme vaginali contenenti farmaci, lubrificanti o idratanti per la secchezza vaginale;

  • la terapia cognitivo comportamentale

  • una terapia farmacologica o fito terapica che può essere di aiuto in caso di basso tono dell’umore e di ansia;

  • una dieta sana ed equilibrata e la regolare pratica dell’esercizio fisico: conservare un peso corretto e mantenersi in forma e toniche può migliorare alcuni sintomi della menopausa.



5. Terapia Ormonale, sì o no?


Molto dibattuta, ha vissuto un periodo d’oro per poi essere messa un po’ da parte parte a causa di una ricerca che evidenziava il pericolo di aumento di tumore al seno dopo 5 anni dall’assunzione. Ultimamente c’è una nuova inversione di tendenza, poiché si è visto che i benefici sono maggiori dei possibili danni (dalle malattie cardiovascolari, all’ipertensione, dalle depressioni croniche all’osteoporosi grave). Chiaramente non è indicata per tutte le donne, sarà il ginecologo a valutare caso per caso.


Le informazioni riportate in questo testo non sostituiscono in alcun modo i consigli, il parere, la visita, la prescrizione del medico.







Vuoi saperne di più?

Link 1.5

Link a pagina offerte

Link a esami clinici 2.4


9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page